Altra Costiera Amalfi
Altracostiera on Facebook Altracostiera on Twitter
FuroreFuroreFuroreFuroreFurore

Furore


Il vallone di Furore, e'" uno dei più' pittoreschi fiordi di Italia", dove si può' ammirare un meraviglioso paesaggio che ben si inserisce nello scenario della costiera amalfitana. Numerose sono le gole che tagliano l'enorme massa montagnosa che precipita a mare; questa, denominata "lo schiato" dal nome di un torrente che "animava" una fabbrica di carta e un mulino, e' senza dubbio la più' caratteristica con il villaggio di pescatori semiabbandonato e con il braccio di mare che si insinua profondamente sotto il ponte della carrozzabile e che presenta colorazioni meravigliose. La zona prese il nome "dal fragore delle onde che nel piano della sottoposta vallata odonsi mugghiare allorche' il mare infuria", inizialmente era divisa in due borghi detti "Terra Furoris e Casanovae", ma a partire dal XVII secolo non viene piu' citata in documenti la "Terra Casanovae". Il paese posto a metri 300 sul livello del mare e' raggiungibile mediante un sentiero in parte a gradini e presenta tre chiese interessanti.La chiesa di S. Michele arcangelo e' a tre navate di cui le laterali, coperte da volte a crociera di sesto acuto. Vi sono quattro cappelle intercomunicanti con la navata centrale madiante archi ogivali ed e' rischiarata da monofore archiature. Il campanile, posto davanti alla porta d'ingresso, presenta monofore per ogni piano, la cella cilindrica coperta da una piccola cupola.
La chiesa di S.Giacomo e' anch'essa a tre navate, quella centrale - con colonne in marmo bianco venato e capitelli a tronco di cono capovolti, che sorreggono archi a tutto sesto - e' coperto da tetto, mentre quelle laterali da volte a crociera. Il campanile a piu' piani, su cui si aprono monofore, divisi da leggere cornici aggettanti e' sormontato da una cuspide rivestita di maiolica.
La chiesa di S. Elia e' ad unica navata fiancheggiata da cappelle. L'ingresso e' nel pianterreno del campanile e presenta la volta a crociera. Rimodernata nel 1474 presenta un pregevole trittico del pittore Angelo Antonelli, datato 1479 e rappresentante la Vergine in trono con ai lati S. Elia e S. Bartolomeo, che testimoniano l'ingresso in Campania della civiltà' "prospettica" di origine francescana.
Inoltre a Furore soggiornò Greta Garbo, in fuga romantica verso Ravello, e di Furore, senza dubbio uno dei luoghi più suggestivi di tutta la costiera, ci ha lasciato una splendida cartolina in versi Alfonso Gatto:” le case tranquille sognanti la rosea vaghezza dei poggi, discendono al mare in isole, in ville, accanto chiese”.
A furore matura l’uva migliore della Costiera Amalfitana. Le viti di Furore donano un vino lieve, shietto e saporoso, apprezzatissimo dagli intenditori. Purtroppo, le sue caratteristiche di leggerezza, anche alcolica, ne rendono difficile il trasporto e la conservazione. E’ quindi un vino da consumare giovane, il più vicino possibile al luogo di produzione.

Appartamenti in Furore

Nome dell'appartamento (posti letto + posti letto aggiuntivi)

Ville in Furore

Nome (posti letto + posti letto aggiuntivi)


Torna alla pagina iniziale Torna all'inizio di questa pagina Chi siamo: informazioni su L'Altracostiera s.a.s. Contatti: informazioni su come contattarci Dove siamo: come raggiungere i nostri uffici ad Amalfi Servizi: infomazioni sui nostri servizi
Condizioni di prenotazione

© L'Altra Costiera s.a.s.
via Lorenzo D'Amalfi, 34 - 84011 Amalfi (SA)
Tel 089 8736082 - 089 8304536

e-mail: info@altracostiera.com
Tutti i diritti riservati.

Partita IVA: 03542430651