Altra Costiera Amalfi
Altracostiera on Facebook Altracostiera on Twitter

Ravello


“Ravello è più vicina a cielo di quanto non sia lontana dalla riva” (Andrè Gide).
Fondata probabilmente nel IV secolo d.C. da popolazioni romane in fuga dai barbari, Ravello sorge, in splendida posizione, su un contrafforte roccioso a cavallo tra la Valle del Dragone e quella del Reginna. Più in alto delle altre perle della Costiera amalfitana, può vantare panorami eccezionali, che hanno fatto meritare alla terrazza di Villa Cimbrone, sospesa tra mare e cielo , l’appellativo di “terrazza dell’infinito”.
Conobbe un buono sviluppo economico già come territorio della Repubblica Amalfitana, cui però si ribellò quando gli Amalfitani tradirono il re normanno Roberto il Guiscardo nel 1081, tornando ad eleggere il proprio Doge.
Ravello si rifiutò di seguire i vicini sulla strada del tradimento, e meritò l’appellativo di Rebello, in cui deve ancor oggi il suo nome.
Nel XX secolo divenne meta preferita dei grandi Tour, i viaggi di istruzioni e piacere di intellettuali ed artisti europei. A Ravello hanno soggiornato Wagner, Longfellow, e tanti altri, tutti rimanendo stregati dal fascino straordinario dei luoghi. Non ultimo, fu proprio Greta Garbo che si “nascose” per una sua fuga d’amore, che appassionò i lettori di cronache rosa di tutto il mondo negli anni trenta.
Tra molte chiese di Ravello, una segnalazione particolare meritano senza dubbio il Duomo e la chiesa del Toro, oltre al celebre chiostro di S. Francesco. Il Duomo fu voluto da Orso Pavicino, primo vescovo di Ravello nel 1087 dedicato a S. Pantaleone, la chiesa del Toro invece fu costruita XII sec..
Molto importante sono anche le ville e i giardini. La più antica è Villa Rufolo la cui costruzione risale al 1280, tutt’oggi in questa villa si celebrano i concerti in ricordo del soggiorno di Richard Wagner, i Concerti wagneriani: indipendentemente dalla qualità musicale, comunque eccezionale, lo spettatore resta incanto alla vista dell’orchestra che suona quasi sospesa mezz’aria su uno sfondo uniformemente azzurro, quasi composto dal cielo e dal mare.Da non mancare una visita a Villa Cimbrone risalente XX sec. Voluta dal nobile inglese William Bechett, la villa imita stile e forme classicheggianti e medioevali ricca di giardini. Inoltre deve la sua celebrità alla già ricordata “Terrazza dell’Infinito” davvero uno dei luoghi più suggestivi dell’intera Costiera.
Due giorni di festa per celebrare San Pantaleone, il patrono di Ravello. Il 26 luglio iniziano i primi cortei, il busto d’argento del santo viene esposto e la musica sinfonica invade la piazza del Duomo. C’è grande trepidazione tutti aspettano che il giorno successivo si compia il miracolo: lo scioglimento del sangue di Pantaleone. Meno noto di quello di San Gennaro anch’esso riserva grandi emozioni a coloro che vi prendono parte. I cittadini vivono l’evento con grande trasporto, come se dal miracolo dipendessero le sorti del loro piccolo centro. Il sangue conservato in un ampolla d’argento, all’interno della cappella dedicata al martire, si scioglie solitamente nelle prime ore della mattina del 27 luglio. Dopo le funzioni religiose in prima serata ha inizio la colorata processione per le vie del paese, fuochi artificiali e concerti concludono i festeggiamenti nella splendida cornice di Ravello. Pantalone era un medico cristiano che nel 305 fu vittima delle persecuzioni di Diocleziano. Quando fu decapitato una donna raccolse il suo sangue e lo conservò. Nell’XI secolo l’ampolla arrivò via mare a Ravello, a seguito di una forte tempesta come se le reliquie l'avessero scelta come dimora. Da allora il legame tra i ravellesi e san Pantaleone è indissolubile.

Appartamenti in Ravello

Nome dell'appartamento (posti letto + posti letto aggiuntivi)

Ville in Ravello

Nome (posti letto + posti letto aggiuntivi)


Torna alla pagina iniziale Torna all'inizio di questa pagina Chi siamo: informazioni su L'Altracostiera s.a.s. Contatti: informazioni su come contattarci Dove siamo: come raggiungere i nostri uffici ad Amalfi Servizi: infomazioni sui nostri servizi
Condizioni di prenotazione

© L'Altra Costiera s.a.s.
via Lorenzo D'Amalfi, 34 - 84011 Amalfi (SA)
Tel 089 8736082 - 089 8304536

e-mail: info@altracostiera.com
Tutti i diritti riservati.

Partita IVA: 03542430651