Altra Costiera Amalfi
Altracostiera on Facebook Altracostiera on Twitter
MaioriMaioriMaioriMaioriMaioriMaiori

Maiori


Maiori sorge alla foce del torrente Reginna Maior, dal quale prende il nome. Purtroppo, il torrente è parte della storia del paese anche per altri motivi: esso ha più volte funestato il paese con disastrose alluvioni, come quella del 1910, soprattutto, del 1954. Quest’ultima catastrofe spazzò via quasi tutto il centro abitato, ed è per tale motivo che, unico fra i paesi della Costiera, Maiori si offre allo sguardo del visitatore con una quasi totalità di costruzioni moderne. Sotto il profilo storico, Maiori fu per molti anni fedele alleata della Repubblica Amalfitana, tanto da essere ferocemente attaccata e saccheggiata in più occasioni - l’ultima nel 1268 – da flotte di Pisa, acerrima nemica di Amalfi.
Iniziò così un lento declino, aggravato dalla pestilenza del 1656, che ridusse la popolazione a poche centinaia di anime.
Col tempo però, grazie alla fertilità del suolo, in questa parte della Costiera meno aspro e roccioso che altrove, il paese ritrovò un certo benessere, tanto che oggi è una delle località balneari meglio attrezzate turisticamente.
Il paese custodisce nondimeno preziosi gioielli architettonici, di grande interesse turistico, che meritano senz’altro una visita. Oltre all’abbazia di Santa Maria dè Oleandra, unico tra i monumenti benedettini della Costiera ad essere giunto ai giorni nostri praticamente intatto, vanno infatti ricordatati almeno il castello, la torre detta delle Formicole, e la chiesa di Santa Maria al Mare.
Il Castello mezzocapo, detto anche diramare o di S. Nicola, fu costruito nel XV secolo sullo sperone roccioso della collina del Ponticchio. I suoi giardini, di epoca successiva, celano grotte e anfratti rocciosi percorsi da acque sotterranee, sapientemente integrati coi volti che corrono tra i roseti.
La Torre delle Formicole, edificata nel 1590, e oggi adibita a ristorante, col cui niome(Torre Normanna) è generalmente meglio nota; nei pressi, una sorgente d’acqua sulfurea, potabile, è accessibile anche dal mare.
La Chiesa di Santa Maria a Mare, dalla splendida cupola maiolicata, è stata più volte restaurata rispetto al nucleo originario, databile all’XI sec.Di notevole interesse la facciata barocca, con tre portali, di epoca successiva(XVIII sec.). Al suo interno, ricchi tesori artistici, tra i quali segnaliamo un soffitto a cassettoni, opera dio Alessandro Fusco nel XVI sec. e la statua in legno detta La Madonna col Bambino. In sacrestia, poi, sono conservati numerosi oggetti d’arte di minori dimensioni. Dal punto di vista paesaggistico, è parte del Comune di Maiori Capo D’Orso, straordinario promontorio roccioso a picco sul mare, che ben vale una passeggiata, sia in barca che dalla strada.

Appartamenti in Maiori

Nome dell'appartamento (posti letto + posti letto aggiuntivi)

Ville in Maiori

Nome (posti letto + posti letto aggiuntivi)


Torna alla pagina iniziale Torna all'inizio di questa pagina Chi siamo: informazioni su L'Altracostiera s.a.s. Contatti: informazioni su come contattarci Dove siamo: come raggiungere i nostri uffici ad Amalfi Servizi: infomazioni sui nostri servizi
Condizioni di prenotazione

© L'Altra Costiera s.a.s.
via Lorenzo D'Amalfi, 34 - 84011 Amalfi (SA)
Tel 089 8736082 - 089 8304536

e-mail: info@altracostiera.com
Tutti i diritti riservati.

Partita IVA: 03542430651